Facebook  Google+  YouTube  Instagram  Twitter

Nuovi limiti massimi di spesa per l’erogazione dei prodotti senza glutine

6

Nuovi limiti massimi di spesa per l’erogazione dei prodotti senza glutine – 

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto relativo ai limiti massimi di spesa per l’erogazione dei prodotti senza glutine, approvato in Conferenza Stato Regioni il 10 Maggio 2018: confermato il diritto all’erogazione gratuita degli alimenti, sebbene con una riduzione media dei tetti di spesa del 19%.

 

Limiti massimi di spesa per l’erogazione dei prodotti senza glutine

Limiti massimi di spesa per l'erogazione dei prodotti senza glutine

I tetti di spesa sono stati distinti per sesso e per fasce di eta’, secondo i fabbisogni energetici totali definiti dai Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia (LARN) 2014 al secondo livello di attivita’ fisica incrementati del 30% per tener conto di particolari esigenze nutrizionali, sulla base dei prezzi medi di mercato del canale di distribuzione prevalente che e’ quello delle farmacie. 

Considerato che il celiaco deve seguire una dieta varia ed equilibrata con un apporto energetico giornaliero da carboidrati stimabile in almeno il 55%, che deve derivare anche da alimenti naturalmente privi di glutine provenienti da riso, mais, patate e legumi come fonte di carboidrati complessi, per cui la quota da soddisfare con alimenti senza glutine di base (pane, pasta e farina) e’ stimabile nel 35% dell’apporto energetico totale.

Revisionato anche il Registro Nazionale degli alimenti senza glutine erogabili:

Ai fini dell’erogazione a carico del Servizio sanitario nazionale sono inclusi nel registro nazionale, istituito presso la Direzione generale per l’igiene, la sicurezza degli alimenti e la nutrizione del Ministero della salute, gli alimenti di cui all’art. 1 rientranti nelle seguenti categorie:
a) pane e affini, prodotti da forno salati;
b) pasta e affini; pizza e affini; piatti pronti a base di pasta;
c) preparati e basi pronte per dolci, pane, pasta, pizza e
affini;
d) prodotti da forno e altri prodotti dolciari;
e) cereali per la prima colazione.

Per quanto riguarda i tempi di attuazione: sono previsti fino a sei mesi dalla data di entrata in vigore del decreto per l’aggiornamento del registro nazionale degli alimenti e fino a tre mesi dalla pubblicazione del registro nazionale per consentire alle regioni di adeguare le modalità di erogazione degli alimenti senza glutine conformemente a quanto previsto dal decreto.

Clicca qui per leggere il Decreto

Clicca qui per leggere anche il Comunicato e gli approfondimenti che AIC ha realizzato nello scorso mese di Maggio


Sconti su prodotti senza glutine in farmacie, locali e strutture ricettive

Vorresti risparmiare su acquisti di prodotti gluten-free o in strutture e locali che offrono opzioni senza glutine?
Clicca qui e sottoscrivi la tua Tessera Vivere Senza Glutine e ti saranno garantiti sconti fino al 15% in molte strutture aderenti al nostro Circuito!


Forse ti possono interessare anche i seguenti articoli:

ABC della dieta del celiaco

Dieta senza glutine: cosa è e come affrontarla

Contaminazione crociata con glutine

I sintomi della celiachia

 

 

6 commenti

  1. Bertagnini Maria Cristina ·

    Vorrei sapere se x chi non è celiaco ma intollerante al glutine ci sono aggiornamenti x quel che riguarda il buono prodotti. …grazie

    • Viveresenzaglutine ·

      Confermiamo che i buoni restano disponibili solo per celiaci diagnosticati presso il centro USL del proprio Comune di appartenenza. Ciò che viene rilasciato è un codice di esenzione che dà diritto ai buoni, ma (ripetiamo), destinati solo a soggetti celiaci.

  2. Carmela ·

    Sono celiaca da 12 anni, non sono d’accordo sul tetto della spesa sui prodotti erogati dalla usl, i prodotti sono costosissimi, con 90 euro mensili si portano a casa pochissimi alimenti. Dovreste abbassare i costi per permetterci di acquistare piu alimenti con quella cifra. Spero che prendiate in considerazione il mio messaggio, grazie.

  3. Ilenia ·

    Per la regione Sicilia quando saranno attuati i buoni con questi ultimi aggiornamenti?

    • Viveresenzaglutine ·

      Ancora non si sà, i tempi variano da 6 ai 9 mesi, e ogni regione deciderà autonomamente quando farli entrare in vigore. Puoi provare a chiedere ad AIC Sicilia, ma credo sia ancora presto per saperlo.

  4. Chiara ·

    Concordo con Carmela… con quei prezzi con 90 euro facciamo una borsa di spesa….vergognoso….

Lascia un commento


Iscriviti alla nostra Newsletter


                                                                         Cerchi locali e prodotti gluten-free?
Inserisci sotto il tuo indirizzo e-mail e tieniti sempre aggiornato su nuovi locali, prodotti, eventi, sconti e tante novità dal mondo del senza glutine.
Cliccando sul tasto Conferma dichiarerai di aver letto e di accettare la nostra normativa in materia di privacy.